Gare OCR del 5 e 6 ottobre 2019 in Italia

17

Le mudrun che sono programmate per il fine settimana del 5 e 6 ottobre sono molte, e tutte di qualità! Tra queste, un’altra mini OCR nella bella terra di Sardegna. Due gare avranno la standard e la corta in due giorni distinti (e ci sarà anche la versione kids, di cui non trattiamo sul calendario). Vediamole insieme

  • Inferno Run #Mud è una gara storica nel circuito OCR italiano. Si è sempre distinta per il fango (questa è la versione mud, oltretutto) e per gli ostacoli tecnici: basti pensare ai muri (di tutti i tipi, di tutte le altezze, vuoti sotti per renderli più difficili, il destroyer!), agli ostacoli in sospensione (la PEG board, omnipresente; ring traverse;), al famigerato quarter pipe. A fronte di questo, la gara assicura sempre r il divertimento generale. Basta vedere i piccoli video di presentazione che fanno Nicolò e Mauro, organizzatori dell’evento, per rendersi conto che i primi a divertirsi sono loro!

Qui li vediamo presentare un ostacolo presente alla Inferno Mud 2019, Caronte. Un passaggio a nuoto, già presente nella edizione 2018

Inferno Run è l’ultima tappa del Campionato OCR organizzato dalla FIOCR. E’ una gara qualificante per i campionati europei OCR del 2020, per i campionati mondiali OCR del 2020 e chiuderà anche il campionato regionale Toscana by FIOCR. Si terrà a Figline Valdarno (Toscana): il sabato ci sarà la gara standard, mentre alla domenica la sprint.
Le iscrizioni chiuderanno giovedì sera 3 Ottobre (a meno che i posti non si esauriscano), per cui siete ancora in tempo per l’iscrizione (approfittate anche del codice sconto di Calendario OCR)

  • Per gli abitanti del Sud invece, il doppio appuntamento sarà a Palo del Colle (Puglia). La Iron Cross Strong Edition chiuderà la trilogia delle Iron Cross Run series. Doppio appuntamento: sabato la sprint mentre domenica la standard. Gli ostacoli della Iron Cross Run sono fatti, come sempre, utilizzando molto legno: pali enormi che rendono le strutture molto imponenti e di grande impatto. E sono comunque sempre molto tecnici, ma soprattutto divertenti. Il cuore della Iron Cross Run, Angelo Mitaritonna, ci dice che questa edizione: “ll percorso è quasi interamente sterrato. Abbiamo scelto un percorso un po’ tecnico, dove gli ostacoli naturali hanno una grossa valenza, alla pari degli ostacoli artificiali. Saranno come sempre numerosi: muri, rete cargo, filo spinato e pozze di fango. Abbiamo pensato anche agli spettatori: ci sarà anche la possibilità di assistere su alcuni tratti del percorso“.
    Ricordiamo che la gara competitiva risulta valevole per le World Finals OCR Series che si svolgeranno in Olanda. 
  • Domenica 6 ottobre avremo anche un debutto importante: la Tough Mudder! Per la prima edizione italiana, è stata scelta la location di Zagarolo (Lombardia) per l’evento, a cui seguirà una seconda edizione fra due settimane a Roma. 16Km, 22 ostacoli. Abbiamo sentito gli organizzatori: “Tutti i famosi ostacoli della versione inglese sono modificati in grande: l’Everest è più alto, mentre il funky monkey è più lungo. Quindi gli ostacoli sono i più grandi d’Europa, in questo senso! Tra l’altro, presentiamo in anteprima cinque ostacoli nuovi, ossia cinque sorprese. Il percorso è bellissimo: si parte da un agriturismo, si attraversano i boschi, si passa a 30 metri dal fiume, dentro cui sarà ambientato l’Artic Arema: 2500 kg di ghiaccio dentro l’acqua, per renderla freddissima!
    Ricordiamo che la Tough Mudder è nata nel 2010 in America, e che la versione classica prevede solo la non competitiva. La collaborazione è fondamentale: alcuni ostacoli sono superabili solo con la collaborazione. In realtà, è stata introdotta anche la versione competitiva in Italia, richiesta a furor di popolo!

Provate voi a superare questo ostacolo senza la collaborazione degli altri partecipanti!

  • Le gare di cui sopra possono contare su esperienza di vari anni ed una organizzazione di un certo tipo. La Bove Road invece è stata ideata da un gruppo di entusiasti che – grazie alla loro esperienza nelle gare ad ostacoli – hanno organizzato questa OCR a Montefalco (Umbria). L’anno scorso è stata la prima edizione, e per la seconda edizione del 2019 sono previsti molti upgrade! Ce lo ha confermato Riccardo: “Abbiamo fatto tesoro delle opinioni degli atleti, ci siamo dati da fare, ed abbiamo sfornato molte novità. In primo luogo la lunghezza della gara, più lunga di qualche chilometro. Confermato il suggestivo passaggio nel bosco, che ha entusiasmato tutti. In seconda battuta, il villaggio risulterà più grande, con vari stand e la stessa buona musica dell’anno scorso. Non ultimo, gli ostacoli… Diciamo che i rig sono più robusti, decisamente più tecnici, ma soprattutto più numerosi, con ben tre rig di cui che diventa doppio! Come? Gli atleti lo scopriranno alla gara“.
    Le iscrizioni online chiudono venerdì, ma ci sarà la possibilità di iscriversi il giorno della gara, domenica 6 ottobre.
  • A Dolianova (Sardegna), la palestra Get Fit di Massimo Atzeri ha organizzato una mini OCR. 600m, 25 ostacoli, nella versione scontro diretto uno contro uno a eliminazione. Il mancato ostacolo è una penalità (solo virtuale). La classifica sarà redatta in base al numero di penalità ed in base al tempo. “Vi aspettate una garetta? Nemmeno per sogno. I 25 ostacoli sono direttamente presi dalle OCR di Sardegna: non solo muri, non solo tyre flip, non solo equilibrio. Ma anche il twister, un rig con i volanti, il famoso criceto, lo shangai. Ne volete ancora? Weaver, trave irlandese e l’incubo di tutti gli spartani: il giavellotto! E non ve li dico tutti per non rovinare la sorpresa!“. Massimo sa decisamente come attirare l’attenzione. Per sabato 5 ottobre è tutto pronto!