Hunterstrail last hunter, recensione

212


È necessaria più presenza agli ostacoli
Gara che non è un ocr pura ma che riesce a sfruttare appieno il territorio per sopperire la mancanza di ostacoli artificiali. Divertentissima e con una approccio green e mentale intelligente. La rifarei oggi stesso

Hits: 8

Previous articleSpartan dell’Emiro, recensione
Next articleEtruscan Race recensione