Scigamatt recensione

8

Scigamatt viene giudicata con un 4,3 su 5 dagli atleti. Dopo la tabella dei voti, potete trovare i commenti


La corsa ha fatto un salto di livello rispetto agli anni scorsi. Molto varia, rig impegnativi ma non impossibili, bello (anzi, brutto 🙂 ) lo z-wall, ostacoli ben distribuiti sul percorso urban. Ho apprezzato molto i volontari agli ostacoli, seppur qualche imperfezione ci sia stata da parte loro. Bello correre tra la folla e nelle vie di paese. Ristoro finale molto ricco.
Le prese dello z wall mannaggia a voi 12 minuti persi senza poi riuscire a superarlo….grrr
Serve più attenzione alla sicurezza! Troppi concorrenti principianti alla sbaraglio (molti ubriachi) su ostacoli poco sicuri sono una minaccia per se stessi e per gli altri. Pacco gara miserevole. Un sincero grazie comunque a tutti i volontari che sono stati ineccepibili e cortesi!
Ad alcuni ostacoli (soprattutto i rig e la pegboard) non venivano suddivisi i competitivi dai non ed i primi tentativi dagli altri, col risultato di trovarsi in coda, di dover cambiare fila o perdere molto tempo.
A parer mio inoltre troppe salite fini a sé stesse, messe solo per allungare il percorso ma di fatto semplici scarpinate, noiose. Porterei il format a 9-10 km con gli stessi ostacoli, e metterei volontari più esperti agli ostacoli più tecnici.
Come sempre la Scigamatt può contare su un grandissimo numero di volontari quindi l’organizzazione è sempre al top e trovare tanta gente lungo il percorso ad incitare gli atleti è sempre bello. Inoltre, apprezzo molto, come lo scorso anno, il fatto di partire dal lago e arrivare su su in alto dopo tutta quella salita, a livello di corsa è piuttosto impegnativa. Un po’ meno impegnativi gli ostacoli, che dovrebbero essere quelli a fare la selezione in una gara ocr e un po’ troppo “permissivi” i giudici su alcuni ostacoli, io stesso ho fatto un ostacolo sbagliando perchè mi sono attaccato alla struttura e avrei voluto rifarlo, ma mi è stato detto di andare avanti…