Le Specialità Olimpiche dell’OCR

549

Come sappiamo, sono purtroppo terminati i Giochi Olimpici di Tokyo 2020.
First reaction: SHOCK!!

Purtroppo con somma delusione, il nostro OCR non è ancora uno sport olimpico, sebbene siamo certi che alcune peculiarità meriterebbero invece la ribalta olimpica. È una dittatura sportiva? Lasciamo il giudizio ai vari presidenti, capi squadra, opinionisti marabiniani ed altri

Per fare un po’ di giustizia in questo grande scandalo, potremmo pensare di illustrare qui ostacoli che meriterebbero un posto tutto loro!

Trave Sbarra Irlandese

Per tutti coloro che vogliono tagliare il percorso, fanculare i giudici, nascondere i braccialetti, un giro di sbarra iralandese potrebbe essere una soluzione interessante.

Giusto per far capire che i giudici si rispettano!

dRunk wall

Non il muro schiacciato, ma il muro ubriaco! Specialità dove le migliori performance si provano solo dopo aver dato tanto al terzo tempo, soprattutto avendo amici astemi che ti regalano il loro buono birra alle Spartan Race!

Conte Canto Ugolino

Il canto di gioia che tutti gli atleti inneggiano, alla fine della loro gara! Solo chi ha fiato in abbondanza, riesce ad esprimere tutta la sua vivacità e creatività.

Un ostacolo preso dal’Inferno, che riporta a melodie del Paradiso.

Spear Swear Throw (tiro della bestemmia)

Una specialità che in caso di mancato ostacolo potrebbe risultare alternativa. Sicuramente la culla dell’OCR in Italia, Firenze e la Toscana, vedrebbe il suo primato vacillare con la partecipazione di noi Veneti DOC

Hits: 136

Previous articleK1 OCR Challenge, a gonfie vele
Next article5 motivi ALTERNATIVI, per correre una Spartan Race/OCR